Informativa estesa sui Cookie: questo sito fa uso di Cookie tecnici e di terze parti, non fa uso di Cookie di profilazione. ACCETTO LEGGI
/
Accedi Registrati

Manutenzione impianto oleodinamico

Effettuare una corretta manutenzione su di un impianto oleodinamico permette allo stesso di operare nella piena efficienza, mantenendo ritmi di operatività elevati ed evitando il calo di efficienza e di prestazioni.

Troppo spesso tale attività viene sottovalutata.
In virtù di questa scarsa considerazione spesso si è costretti ad effettuare interventi di sostituzione di numerosi componenti, che comportano costi estremamente elevati ed il blocco dell'attività lavorativa.

La mancata manutenzione di un impianto oleodinamico oltre a determinare un incremento dei costi di gestione e la diminuzione della produttività, può generare anche un innalzamento dei costi di esercizio, dovuti, ad esempio, ad un elevato consumo energetico generato da un elevato assorbimento o per le inevitabili riparazioni dei componenti oleodinamici usurati.

Palmerini Oleodinamica offre un servizio di manutenzione, anche on site, per impianti oleodinamici di medie e grandi dimensioni, soventemente utilizzati nei comparti di produzione industriale, di movimento terra e settori affini.

Effettuiamo interventi di manutenzione preventiva programmata, sia di tipo ordinaria e straordinaria, che prevedono sempre il controllo dei livelli dell’olio, ingrassaggio delle parti meccanica, fusibili e regolatori di livello.

Interventi di manutenzione ordinaria impianto oleodinamico

Di seguito riportiamo i principali interventi di manutenzione che vengono effettuati sui componenti di un impianto oleodinamico, volti al mantenimento in efficienza dello stesso.

Sconsigliamo vivamente di modificare manualmente la taratura della valvola limitatrice di pressione per compensare la caduta di pressione.
Tale intervento comporta un elevato stress del motore che, lavorando a regimi più elevati per compensare la perdita di pressione, rischia di rompersi definitivamente.

Manutenzione ordinaria del motore

Il motore è una delle componenti essenziali di ciascun impianto oleodinamico.

Dal suo corretto funzionamento dipende l'efficienza dell'intero impianto che, con la corretta manutenzione, permetterà di mantenere ritmi di lavoro elevati ed evitare elevati assorbimenti energetici, che poi si traducono in maggiori consumi.

Di seguito vi riportiamo consigli e procedure per una corretta conservazione in inefficienza dei principali componenti di un impianto oleodinamico.

Suggerimenti veloci di manutenzione generale sul motore

Motore elettrico

Lubrificare secondo le indicazioni del produttore del motore.

Filtri

Cambiare o pulire necessariamente o come indicato sui filtri forniti con indicatore visivo. Assicurarsi di controllare gli indicatori poco dopo l’avvio.

Filtri di aspirazione

Deve essere pulito dopo 10 ore di funzionamento inizialmente e successivamente ogni 100 ore. Vedere le appendici per le indicazioni di pulizia.

Serbatoi

Mantenere sempre il livello dell’olio. L’olio deve essere controllato dopo le prime 100 ore e va verificato che la classe d’olio soddisfi i requisiti della pompa utilizzata. Cambiare l’olio ogni 1000 o 2000 ore a seconda dell’applicazione e dell’ambiente lavorativo.

Pulizia dei filtri e sostituzione dell'olio

La pulizia o sostituzione dei filtri dell'impianto viene effettuata per evitare la grippatura della pompa.
Durante lo smontaggio dei filtri viene valutata la necessità della loro sostituzione oppure la semplice pulizia. Al tempo stesso, sulla base dello stato dell'olio, verrà deciso se lo stesso necessita di una completa sostituzione o di un semplice rabbocco.

Mantenere in circolo all'interno dell'impianto olio sporco, che contiene detriti o microparticelle, mette a rischio tutti i compenenti dell'impianto oltre a ridurne la pressione di utilizzo.

10 Suggerimenti per la manutenzione ordinaria dei filtri

  1. 1.

    Ispezionare gli elementi del filtro che sono stati rimossi dal sistema per rilevare eventuali segni di guasti che potrebbero indicare che l’intervallo di manutenzione deve essere abbreviato e problemi all'impianto

  1. 2.

    Non immettere mai nel sistema alcun fluido fuoriuscito.

  1. 3.

    Mantenere la scorta di olio nuovo in un luogo fresco e asciutto.

  1. 4.

    Utilizzare contenitori, tubi e impianti puliti durante il riempimento del serbatoio. Si consiglia di utilizzare un carrello filtro quando si aggiunge l’olio.

  1. 5.

    Usare le precauzioni di buon senso per impedire l’ingresso di sporcizia nei componenti che sono stati temporaneamente rimossi dall'impianto.

  1. 6.

    Assicurarsi che tutti i fori di pulizia, i cappucci dei filtri e i filtri del tappo di sfiato sul serbatoio siano correttamente fissati.

  1. 7.

    Non avviare il sistema se non sono installati tutti i dispositivi di filtrazione normalmente forniti.

  1. 8.

    Assicurarsi che il fluido impiegato nel sistema sia un tipo raccomandato dai produttori del sistema o dei componenti.

  1. 9.

    Prima di passare da un tipo di fluido ad un altro (ad esempio, da olio di base di petrolio a un fluido resistente al fuoco), consultare i produttori di componenti e filtri nella scelta del fluido e dei filtri da utilizzare.

  1. 10.

    Consultare anche la pubblicazione “Pratica raccomandata per l’uso di fluidi resistenti al fuoco per sistemi di alimentazione a fluido”, pubblicata dalla National Fluid Power Association.

Mantenimento della giusta temperatura dell'olio

L’olio bollente nell’impianto idraulico delle vostre apparecchiature è una delle cause principali di scarso funzionamento, guasto dei componenti e tempi di fermo macchina. Ecco alcuni suggerimenti per mantenere la corretta temperatura dell’olio.

L’olio del sistema idraulico è stato progettato per funzionare entro un preciso intervallo di temperatura. Si può far funzionare a temperature più elevate per brevi periodi di tempo, ad intermittenza, senza effetti negativi. Se si lavora continuamente con l’olio troppo caldo, l’apparecchiatura funzionerà male causando guasti ai componenti chiave e tempi di fermo macchina.

“Olio bollente” è un termine relativo. Nella maggior parte dei casi, circa 49°C (120°F) al serbatoio è considerata una temperatura operativa ideale. Controllare sempre la temperatura dell’olio nel serbatoio, non su un componente o in nessuna delle tubazioni. Alcuni sistemi idraulici sono progettati per funzionare a circa 54°C (130°F) o più. Se non si conosce la temperatura massima di esercizio per l’apparecchiatura, controllare il manuale del componente per i limiti di temperatura e viscosità.

Come evitare il surriscaldamento dell'impianto oleodinamico

Siate pronti a rimuovere, controllare e riparare o sostituire valvole, pompe o altri componenti che funzionano a caldo.

Se le valvole di controllo del flusso o di scarico sono in funzione, controllare e regolare le loro impostazioni. Seguire il manuale del costruttore dell’impianto.

Mantenere l’apparecchiatura pulita. Uno spesso strato di sporco funge da isolante. Impedirà al sistema idraulico di eliminare il calore.

Nei giorni e nei climi caldi, controllare e cambiare l’olio più frequentemente. Assicurarsi di utilizzare un olio adatto per il funzionamento a temperature elevate, consigliato dal produttore dell'impianto o dal fornitore di olio.

Misurazione della temperatura dell'olio

Esistono diversi modi per controllare la temperatura dell’olio. Il metodo migliore e più accurato è per mezzo di un termometro. Su alcune macchine, questo è montato sul serbatoio. Prendere l’abitudine di controllare il termometro periodicamente, dopo che l’apparecchiatura è stata in funzione per più di un’ora.

Se la tua macchina non ha un termometro del serbatoio, usa il “test della mano”. Prima controlla il serbatoio con la punta del dito; se non è troppo caldo da toccare, posiziona il palmo sul serbatoio. Sarai in grado di tenerlo lì senza disagio se la temperatura dell’olio è di circa 55°C o inferiore.

Isolamento dei problemi
Per determinare quali componenti sono “caldi” e surriscanldano l’olio, sentire i raccordi e le linee di uscita delle valvole, delle pompe e dei motori.

Se la temperatura dell’olio è normale quando entra in un componente ma esce ad alta temperatura, quella potrebbe essere una potenziale area problematica.

Una valvola bloccata può causare calore eccessivo. Se una bobina non torna immediatamente nella posizione neutra, il flusso della pompa si scaricherà continuamente. Questo accumula calore rapidamente.

Se una valvola limitatrice è impostata su un valore troppo basso, parte dell’olio verrà scaricato attraverso la valvola stessa ad ogni ciclo.
Anche questo è fonte di eccessivo calore.
Anche quando tutte le valvole sono impostate correttamente, potrebbero non funzionare bene a causa di orifizi o guarnizioni usurate.

Controllo periodico dei campioni di olio
Il controllo periodico della temperatura dell’olio è una buona manutenzione preventiva. Lo stesso vale per la pratica di deviare periodicamente un campione di olio dal serbatoio e confrontarlo con un campione di nuovo olio pulito.

L’olio che è diventato troppo caldo apparirà più scuro e si sentirà più sottile dell'olio nuovo. Avrà anche odore di bruciato. Normalmente conterrà più contaminanti, poiché l’olio bollente porta ad un’usura accelerata delle parti che lo compongono.

Risoluzione problematiche legate all'olio

Di seguito riportiamo alcune situazioni che comportano la riduzione dell'efficienza lubrificante dell'olio di un impianto oleodinamico, con i relativi consigli per verificarne le cause ed eventualmente risolvere il problema.

Olio sporco

  • Verificare che siano stati puliti tutti i componenti dell'impianto dopo la loro manutenzione
  • Filtrazione inadeguata nel tubo di riempimento.
  • Sfiato d’aria interrotto. (Nessun sfiato d’aria fornito o protezione insufficiente di sfiato d’aria).
  • Serbatoio non sigillato correttamente.
  • Le tubazioni non sono coperte durante la manutenzione della macchina.
  • Filtro sporco o rotto.

Fluidi resistenti al fuoco

  • Tenute non corrette possono causare la fuoriuscita delle bobine.
  • La tinta, la vernice o lo smalto a contatto con i fluidi possono causare depositi di morchia sui filtri e attorno alle aree di tenuta.
  • Si può verificare un'azione elettrolitica con alcuni metalli. Di solito zinco o cadmio.
  • Le alte temperature influiscono negativamente su alcuni fluidi, in particolare sui fluidi a base acquosa.
  • I serbatoi contenenti questi fluidi devono essere contrassegnati in maniera appropriata, al fine di un corretto riempimento.
  • Trattandosi di oli minerali le perdite devono essere immediatamente verificate e sistemate.
  • Assicurarsi che le parti di ricambio siano compatibili con i fluidi.

Olio con schiuma

  • La linea di ritorno al serbatoio non è solo battente.
  • Tubo rotto.
  • Linea non agganciata tra l’attacco delle flangia e il fondo del serbatoio dopo la pulizia.
  • Deflettori inadeguati nel serbatoio.
  • Liquido contaminato da sostanze estranee incompatibili.
  • Perdita di aspirazione a causa di una pompa che aspira aria.
  • Mancanza di additivi anti-schiuma.

Umidità negli oli

  • Bobine di raffreddamento non al di sotto dei livelli del fluido.
  • Linee di raffreddamento fissate direttamente al serbatoio caldo causando condensa all’interno del serbatoio.
  • Umidità nei contenitori usati per sostituire il liquido nei serbatoi.
  • Differenziale di temperatura estremo in alcune zone geografiche.
  • Scarico non previsto nel punto più basso del serbatoio per rimuovere l’acqua depositata durante periodi di funzionamento molto lunghi.

Surriscaldamento dell'impianto

  • Valvola di sfiato impostata troppo vicina all’impostazione della pressione del compensatore.
  • Acqua chiusa o scambiatore di calore intasato.
  • Funzionamento continuo in valvola di massima
    • a. Stallo sotto carico, ecc.
    • b. Viscosità del fluido troppo alta o troppo bassa.
  • Slittamento eccessivo o perdita interna.
    • a. Controllare le perdite nelle parti della pompa, motori e cilindri.
    • b. Viscosità del fluido troppo bassa.
  • Dimensioni del serbatoio troppo piccole.
  • Linea di drenaggio della pompa con compensazione della pressione troppo bassa vicino alla linea di aspirazione.
    • Reinserire la linea di drenaggio della cassa sul lato opposto assorbito dal serbatoio.
  • Le condotte, i tubi rigidi o il tubo flessibile troppo piccoli causando un’alta velocità.
  • Valvola troppo piccola che causa alta velocità.
  • Errata circolazione dell’aria intorno al serbatoio.
  • Valvola limitatrice del sistema troppo alta.
  • Centrale esposta alla luce solare diretta o alla temperatura ambientale in condizioni di calore elevato.

Fonti di materiale estraneo sul circuito

  • Incrostazione del tubo non rimossa correttamente.
  • materiale sigillante (tubolare, nastro di teflon) staccato i raccordi.
  • Tubi di riempimento e sfiati d’aria non adeguatamente schermati.
  • Bave all’interno delle tubazioni.
  • Estremità delle etichette dell’imballaggio rovinate.
  • Estrusioni di guarnizioni rotte a causa di una pressione più alta di quella per cui erano state progettate.
  • Errore umano: non protegge i componenti durante le manutenzioni.
  • Parti di ricambio non adeguatamente stoccate (ruggine ed altri componenti).

Manutenzione dei cilindri

Il cilindro idraulico funge da attuatore, trasformando l'energia prodotta dalla pompa e trasportata dal fluido in energia meccanica.

Su tale componente, vista la sua importanza, devono essere effettuati con cadenza proporzionale all'utilizzo, i seguenti interventi manutentivi:

  • Verifica gioco degli ancoraggi e loro ingrassaggio
  • Verifica dei trafilaggi dei punti critici
    • tra testa e stelo
    • tra camicia - canna - stelo
  • Verifica dei trafilamenti di ingresso dell'olio in prossimità della saldatura
  • Verifica ammaccatura o rigatura dello stelo
  • Verifica della cromatura su cui non dovrà essere presente la ruggine
HAI BISOGNO DI ASSISTENZA?
ENTRA IN CONTATTO CON I NOSTRI ESPERTI

Iscriviti alla newsletter

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità?

ISCRIVITI